Medicina generale, firmato Acn

data inserimento 29-03-2018 wm

Arretrati da 4 ai 9 mila euro. Fimmg: «Siamo riferimento per salute cittadini>>
Nuova pagina 1

Medicina generale, firmato Acn: arretrati da 4 ai 9mila euro. Fimmg: «Siamo riferimento per salute cittadini»

Coinvolti circa 64mila medici, dei quali 45mila medici di famiglia. Tra i punti chiave la velocizzazione dell’accesso alla professione dei giovani medici e l’aumento dell’intensità assistenziale attraverso diagnostica di primo livello negli studi. Scotti: «Resta il nodo delle borse di studio»

di Redazione

 

La trattativa per il rinnovo della convenzione di medicina generale è giunta finalmente al termine dopo mesi di trattative. Oggi i sindacati (Fimmg, Snami, Cisl Medici, Fp Cgil Medici, Simet, Sumai) e la Sisac hanno firmato l’Accordo collettivo nazionale che prevede il riconoscimento degli arretrati economici per tutti i settori: medici di famiglia, di continuità assistenziale, di emergenza sanitaria territoriale e dei servizi territoriali. E valorizza il ruolo della medicina generale che, come sottolinea la Fimmg, viene riconosciuta «come soggetto di riferimento per rispondere alle richieste di salute dei cittadini italiani garantendo la sostenibilità del SSN». Resta fuori dall’accordo il sindacato Smi che sta valutando se apporre la firma: non ritiene esaustivi i punti relativi all’accesso improprio al Pronto soccorso, al Piano nazionale vaccinale e al Piano nazionale cronicità, oltre che sull’esercizio del diritto di sciopero e sull’accesso agli incarichi provvisori.

ACN MEDICINA GENERALE: IL TESTO INTEGRALE

La nuova convenzione porterà nella busta paga dei medici il recupero degli arretrati economici per tutte le voci relativi al periodo 2010-17, pari ad un importo che varia dai 4mila ai 9mila euro. Le somme saranno versate in due tranche, a partire da maggio. La convenzione della medicina generale riguarda complessivamente circa 64mila medici, dei quali 45mila medici di famiglia,13mila medici di continuità assistenziale, 4-5mila medici dell’emergenza sanitaria 118 e circa mille medici dei servizi tra i quali i medici dei centri vaccini.

Tra i punti chiave la velocizzazione dell’accesso alla professione dei giovani medici e indirizzi per accordi regionali che abbiano come obiettivo un aumento dell’intensità assistenziale attraverso diagnostica di primo livello negli studi, riconoscimento del ruolo centrale del medico di famiglia nella gestione del paziente cronico e quello attivo nelle vaccinazioni e partecipazione al governo delle liste d’attesa.

Il Segretario nazionale della Fimmg Silvestro Scotti esprime soddisfazione: «È stato un gioco di squadra tra Ministero, Regioni e sindacato che ha consentito di prevedere particolari tutele per le colleghe in gravidanza e per i giovani che acquisiscono il titolo di formazione specifica. Si è previsto inoltre che le attività di continuità assistenziale vengano svolte in sedi idonee a garantire la sicurezza soprattutto delle colleghe, cominciando a mantenere così una promessa che ci eravamo fatti al nostro ultimo Congresso».

Resta ancora da sciogliere il nodo dell’aumento delle borse di studio per il corso di medicina generale, un passaggio chiave per garantire la formazione di un numero maggiore di medici di base e porre rimedio all‘emergenza che si verrà a creare nei prossimi anni a causa dei numerosi pensionamenti.

«Non sono solo buone notizie – spiega Scotti – poiché quello che era sembrato risolvibile nel breve tempo, ovvero un aumento del numero delle borse attraverso l’uso dei fondi di piano finalizzati dal Ministero della Salute a questo scopo, pare sia bloccato per opposizione di una sola Regione. Ricordiamo a questa Regione che velocizzare l’accesso senza formare nuovi medici peggiorerà la situazione, rendendo l’emergenza un fatto di sua esclusiva responsabilità. Sul proseguo delle trattative saremo inamovibili, soprattutto sul tema della assistenza penitenziaria che non possiamo caricare sui numeri del diploma in Medicina Generale quali quelli della programmazione attuale, per cui chi prende queste decisioni forse sta sottovalutando il problema che, nel caso dei detenuti, potrebbe addirittura diventare drammatico. Vogliamo però essere ancora ottimisti, anche perchè siamo in un momento di nuovo assestamento del panorama politico nazionale, – conclude Scotti – e trovate le giuste misure noi proseguiremo il dialogo con le Regioni e con la compagine governativa che si andrà a costituire per un percorso di rinnovamento che mantenga però sempre lo stesso impegno e lo stesso sguardo rivolto all’interesse del cittadino e alla difesa costituzionale della sua salute».

inserisci commenti Commenti(0)